Nuova avventura per una parte dei freeasy in terra vallesana. Siamo tornati a far visita al ghiacciaio che con i suo 120 km quadri di superficie, è il più esteso delle  alpi.

Avrete già capito che stiamo parlano del Ghiacciaio dell’Altesch situato in parte in terra vallesana ed i parte bernese    

Quest’oggi, lasciata l’auto nel capiente posteggio di Betten, grazie ad una capiente funivia abbiamo raggiunto i 2000 metri di Bettmeralp . Da qui è poi iniziata la nostra avventura per raggiungere questo immenso ghiaccio che ricordiamolo fa parte del patrimonio mondiale dell’UNESCO.

 

Cosi saliti in sella e di buona lena, dopo aver consultato un attimo il percorso più adatto da intraprendere, abbiamo iniziato la scalata verso il Paradiso. Solo un piccolo e fortuito incidente meccanico ha interrotto la nostra marcia, giusto in tempo per farci rifiatare, prima di mettere piede a terra ed iniziare un “portage” che nel corso della precedente trasferta, ci aveva regalato una discesa con i fiocchi.

Eh si perché se per scendere la pendenza e gli scalini scavati nel sentiero potevano mettere in evidenza le doti di noi biker, salirlo al contrario era quasi da suicidio e da scalare con tanto di corda e picozza

Lo spettacolo che si è presenta ai nostri occhi è indescrivibile. La canicola sofferta in questi ultimi mesi, per lui è stata terrificante, comunque seppur ferito il suo fascino non lascia i suoi visitatori indifferenti. Speriamo che questo inverno sia ricco di neve e freddo in grado di curare le sue ferite patite nel corso di questa torrida estate

Dopo qualche foto di rito e quattro chiacchiere amichevoli con alcuni escursionisti intenti a godersi il panorama, risaliti in sella alle nostre specialissima abbiamo iniziato a costeggiare il ghiacciaio. Con cautela, vista la particolarità del terreno un tantino franoso e con il burrone  a portata di mano, che ci ha consigliato, in alcuni punti critici, scendere da sella e superarli sui due piedi

Raggiunta poi la Gletscherstube e sorseggiate le meritate coca e rivella, grazie ad un sentierino consigliatoci dal capannaro, abbiamo imboccato un single trail da urlo che passando dal Märjelewang ci ha condotto ai 2212 metri di Fiescheralp    

Si doveva poi scendere da un tracciato “enduro” scoperto da alcuni di noi in occasione della prima visita al ghiaccio, ma arrivati all’imbocco del medesimo e ligi alle regole di circolazione vigenti nel nostro Paese, appreso del divieto di circolazione abbiamo proseguito la nostra discesa sfruttando le piste da sci che tante soddisfazioni ci regalano nella stagione invernale    

Cosi senza volerlo, ci siamo poi ritrovati nel pistino DH che ci ha permesso di mettere la classifica ciliegina sulla torta prima da raggiungere l’abitato di Fiesch e da qui, pedalando per alcuni km sulla strada cantonale abbiamo raggiunto Betten punto di partenza della giornata    

Siamo poi ripartiti alla volta di casa senza prima aver effettuato una sosta sul passo del Sempione per la meritata birretta di fine giornata

Un ringraziamento ai due coraggiosi che hanno osato affrontare questa sfida e condividere con chi, a causa di impegni diversi, ha dovuto a malincuore rinunciare a questa gita.  A presto per una nuova freeasy avventura....

Commenti: 6
  • #6

    Skorza (mercoledì, 02 settembre 2015 08:27)

    Grande Cinghio questa volta scendendo dalla pista DH ti sei superato. Ottimo.... ormai non hai più scuse ed ora ti aspettiamo per una prossima uscita in un bike park un poco più serio...
    Chi dorme non piglia pesci Cefa ahahahah

  • #5

    Cefacola (martedì, 01 settembre 2015 20:58)

    Il panorama merita veramente una visita

  • #4

    Cinghio (martedì, 01 settembre 2015 13:53)

    Gran bel giro, per nulla semplice sia in salita che in discesa, come sempre Skorza è il compagno di merende perfetto

  • #3

    Nick (martedì, 01 settembre 2015 12:05)

    Tranquillo Willy d'altra parte ci vuole qualcuno che provveda all'approvvigionamento se vogliamo far girare i muscoli per i nostri giri...
    Vedremo di organizzarne uno il prossimo anno cosi ti faccio invitiamo pure e ti faccio conoscere il nostro amico "meneghino" che ci segue con costanza dalla vicina Naples...

  • #2

    maxrm (martedì, 01 settembre 2015 10:41)

    incantevole......!

  • #1

    Willy (lunedì, 31 agosto 2015 22:19)

    Bravi e grazie delle immagini, se non fossi stato impegnato con la caccia avrei partecipato più che volentieri.